L’Istituto Salk è stato istituito negli anni ’60 da Jonas Salk sviluppatore del vaccino antipolio. Il committente ha scelto per questo importante progetto l’architetto di fama mondiale Louis I. Kahn, il risultato come spesso accade per i grandi capolavori è la sintesi tra le idee dei due protagonisti e trascende la destinazione d’uso con spazi ampi e aperti alle nuove esigenze della ricerca.

30Nicolas Garzouzi ha scelto di creare un rifugio di montagna nella località sciistica libanese di Faqra. A realizzare il progetto è stato chiamato l’architetto Thierry Lemaire che si occupa di design per marchi come Holly Hunt e FENDI Casa.

La sfida per l’architetto è stata quella di accontentare sia Nicolas Garzouzi, un uomo rigoroso e perfezionista, che la moglie Michèle dallo spirito libero e dalle idee creative. La coppia è titolare della licenza Hermès per il Libano, Michèle lavora anche per la sua impresa familiare, Medco, un importatore e distributore di prodotti petroliferi.

L’abitazione con cinque camere da letto è la realizzazione di un sogno per il proprietario che ha visto la sua città natale distrutta durante la guerra civile del paese durata dal 1975 al 1990.

residenza a melbourne rivestimenti in pietra lavica

Un progetto firmato dallo studio B.e Architecture fondato da Broderick Ely per un edificio destinato ad un famiglia nei dintorni di Melbourne. La casa si affaccia su Canterbury Road una zona trafficata e affollata e se ne distacca diventando una vera e propria oasi di relax con caratteristici rivestimenti in pietra lavica.

L’aspetto esterno è semplice e molto naturale, quasi un rifugio dallo stile minimalista verso cui il design contemporaneo si sta indirizzando. L’edificio composto da tre strutture è rivestito in una pietra dai toni scuri che ricrea un pattern geometrico dal carattere moderno.

Un convento francescano del XVI secolo progettato dall’architetto fiorentino Antonio da Sangallo il Giovane, architetto del Rinascimento e del Manierismo attivo a Firenze e a Roma, è rimasto in uno stato di abbandono per oltre sessanta anni. L’edificio situato ai margini della città di Pitigliano, nel sud della Toscana, era senza elettricità e senza acqua corrente inoltre era ormai inghiottito dalla vegetazione. Una struttura in rovina ma dal fascino poetico che ha conquistato due americane, Holly Lueders e sua figlia Venetia Sacret Young.

leonardo mannini architetto firenze architettura residenza

Leonardo Mannini è un architetto che dal 1991 lavora unendo la tradizione alla contemporaneità. Discendente di una famiglia che da generazioni opera nel mondo delle costruzioni, ha appreso fin da piccolo il mestiere del cantiere, del restauro, del costruire.
Nelle sue opere si nota questo sapere antico che si porta dentro.
Qui di seguito un approfondimento sui suoi lavori e sul suo approccio verso i materiali naturali.

interni travertino soggiorno sala pranzo casa rurale treviso

Un progetto firmato dallo studio EXiT architetti associati (Francesco Loschi, Giuseppe Pagano, Paolo Panetto) nella campagna in provincia di Treviso, ad Oderzo che converte una casa di campagna in una residenza minimale.

Lo spazio nato con vocazione agricola è stato recuperato cercando di valorizzare le qualità e caratteristiche della struttura integrate con utilizzo di tecnologie contemporanee e secondo una estetica coerente.

soggiorno moderno ristrutturazione travertino silver

Un progetto di ristrutturazione davvero interessante che dimostra come i materiali in prima battuta e gli arredi poi possano davvero modificare lo stile e l’atmosfera di una abitazione.

In questo progetto firmato dall’interior designer americana Carla Aston una semplice e tipica casa dall’impianto tradizionale acquista uno stile più deciso ed una estetica definita grazie agli interventi realizzati.

sala pranzo cucina per ricevere pavimenti in travertino

Lo studio Davidov Partners Architects ha progettato una abitazione dallo stile minimale e funzionale, LSD Residence, a Melbourne.  L’intervento più significativo ha riguardato la modifica della struttura che aveva dimensioni irregolari. Per questo la larghezza è stata modificata e portata da 12 metri ad 8 metri. L’utilizzo degli spazi è però stato massimizzato optando per pochi materiali, travertino e cemento, e per arredi lineari.