La designer franco-libanese Carla Baz ha creato una collezione dei mobili fatti in marmo, tra cui i tavoli con riempimento della resina colorata.
La prima collezione della designer, chiamata «Stratagems», è stata presentata a Joy Mardini Design Gallery a Beirut durante la locale settimana del design, e a Settembre sarà presentata a Parigi alla famosa fiera Maison&Objet.

pavimenti soggiorno marmo calacatta

Eutropia Architettura è un giovane studio di architettura di Firenze che prende il suo nome dall’omonima città del romanzo “Le città invisibili” di Italo Calvino, definita come non una città ma molte e caratterizzata da scambi, ricerca e da quel senso di novità che si cerca in ogni cosa.

Da queste basi parte anche il lavoro dello studio Eutropia fatto di scambi e collaborazione, orientato all’originalità e trasversale per ambiti, dalla progettazione urbana all’interior design fino ad allestimenti ed interventi di restauro.

In questo progetto di oltre 300 mq a Loro Ciuffenna è stata realizzata una residenza privata dallo stile ricercato ma anche ben integrato nel paesaggio toscano grazie ad esterni in pietra arenaria locale ed ampie e panoramiche finestre.

casa baccina roma interni di lusso
Casa Baccina è stata progettata dall’architetto Massimo Adario che dal 2007 ha aperto lo studio omonimo a Roma. L’appartamento situato all’ultimo piano di un caratteristico edificio nell’affascinante e dinamico quartiere Monti è stato rinnovato secondo uno stile deciso ed elegante.
Tanti i dettagli ispirati al design degli anni ’70 oltre all’intervento rilevante sulla disposizione degli spazi e su una nuova organizzazione degli ambienti.

interni soggiorno loft new york dieter vander velpen

Una giovane famiglia proprietaria di un loft nella zona di TriBeCa a New York ha scovato in rete i progetti dello studio di Dieter Vander Velpen architetto di origine belga dallo stile minimale e pulito e lo ha scelto per realizzare interni dall’atmosfera newyorkese ma con un tocco europeo.

Lo spazio, acquistato direttamente da un artista che viveva lì dagli anni ’70 era totalmente aperto con una camera da letto separata ma con molti elementi interessanti e di valore: ampie finestre, ambienti luminosi, soffitti alti e una vista mozzafiato del One World Trade Center.

chalet di montagna con interni di lusso

Lo chalet perfetto esiste e si trova sulle Alpi Francesi, è Chalet Luxor progettato dallo studio di interior design  Refuge di Megève in Francia. La struttura discreta all’esterno – interamente in legno – rivela all’interno uno scenario mozzafiato e dettagli lussuosi. Una volta varcata la porta infatti si apre davanti a noi il panorama che si estende da Rochebrune al Mont d’Arbois fino alla vetta del Monte Bianco.

cucina moderna con piano in marmo

Un appartamento nella zona di Islington, a nord di Londra è stato di recente ristrutturato dallo studio Architecture For London fondato da Ben Ridley.

L’appartamento situato in una costruzione georgiana del 1860 come molti altri edifici nelle vicinanze è stato convertito a scopo residenziale negli anni ’70.

Lo studio CVDB Arquitectos ha recentemente completato la progettazione di un museo dedicato agli arazzi ad Arraiolos, piccola cittadina a circa un’ora di distanza da Lisbona, in Portogallo.

Questa struttura si trova nella piazza principale della città famosa soprattutto per i tappeti di lana ricamati ed è ospitato all’interno di un vecchio ospedale.

open space contemporaneo a boston interior design dee elms

Un nuovo condominio nel centro di Boston, nel quartiere di Back Bay zona ricca di ristoranti e locali, è caratterizzato da una vista spettacolare e servizi unici come un ascensore privato che porta direttamente dal garage all’abitazione.

Nonostante queste particolari accortezze la residenza mancava di carattere e i proprietari hanno commissionato a Andrew Terrat e Dee Elms il progetto degli interni.

dominique-perrault-scala-marmo-corrimano-oro-luci-interni-versailles

Lo studio di architettura Dominique Perrault firma il rinnovamento dello storico Palazzo di Versailles dopo aver vinto il concorso internazionale del 2011 per restaurare il padiglione Dufour.

Come spesso avviene quando istituzioni culturali di questa portata si rinnovano l’accento è posto su ambienti di servizio e spazi che completano l’offerta della visita. L’intervento ha infatti riguardato la scalinata che raggiunge l’interrato dove è situato lo shop, la reception al piano terra, il secondo piano con il ristorante dello chef stellato Alain Ducasse e l’ auditorium e le sale conferenze al terzo piano.