A Rapolano, si trovano giacimenti ingenti di Travertino, che a differenza di quello Romano, le cui caratteristiche cromatiche sono come descritto abbastanza omogenee, si presenta assai più intenso, ricco di colore e di forza, con variazioni cromatiche che vanno dal bianco latte al marrone scuro, passando per il rosso e per il giallo. Al contrario di quello Romano in questo travertino, le variazioni sono evidenti anche all’interno dello stesso blocco, lastra ed anche pezzo finito.

Nelle cave di Tivoli, vicino Roma, si trovano giacimenti imponenti di Travertino, anche se ormai largamente sfruttati, dai quali è stato tratto tantissimo materiale per costruire dalla Roma Imperiale a moltissime costruzioni contemporanee.
Il Colosseo, San Pietro, La statua del Bernini di Piazza Navona, la scala di Trinità dei Monti, La stazione Termini, Il Palazzo delle Esposizioni all’Eur, sono testimonianze artistiche di epoche diversissime, accomunate dall’uso del Travertino
.

Il travertino è una roccia sedimentaria calcarea di tipo chimico. Le stratificazioni calcaree, insieme a varie intrusioni di ossidi possono assumere varie colorazioni e sfumature diverse.
Il travertino è compatto, ha basso assorbimento, è resistente, non è gelivo. E’ adattissimo sia ad usi interni che esterni.

museum-with-rapolano-stone.JPG

contemporary-building-tuscany-stone.JPG

modern-building-with-rapolano-stone.JPG
Our stone coul be also used for modern building