Il progetto Hoburgsvägen 21 sulla piccola isola svedese di Gotland prevede la ristrutturazione di un edificio datato 1770. L’isola ha uno stupendo panorama e da questa zona si gode una splendida vista sul mare.

L’intervento ha utilizzato materiali naturali  per donare agli interni una sensazione classica senza tradire lo stile tipico nordico. Ambienti essenziali, tavolozza di colori chiari, predominanza di bianco, presenza del legno e un arredo frutto del mix tra pezzi di recupero ed elementi moderni.

Uno stile che segue il minimalismo ma trasmette serenità e calore.

La casa si sviluppa su 250 mq, al piano terra un ampio ingresso dà l’accesso alla grande cucina attrezzata a sinistra e alla zona living a destra. La cucina ha uno stile moderno, dotata di ogni attrezzatura ed elettrodomestico e con  il grande tavolo da pranzo. La luce entra da entrambi i lati, con finestre o porte finestre lasciando entrare il sole mattutino.

Il soggiorno ha due porte finestre sul giardino e due finestre sul lato del mare. Lo spazio è connotato dai pavimenti in travertino nuvolato in toni intensi che vanno dal chiaro al beige al marrone Il riscaldamento è a pavimento e al centro c’è un camino moderno che dona atmosfera e crea un punto focale nella stanza.

interni svedesi con pavimenti in travertino

Al primo piano due camere da letto con servizi e al secondo piano c’è la camera da letto padronale di circa 48 mq con camino. La stanza ha un’abbondante luce naturale e un lussuoso bagno con annessa un’elegante cabina armadio.

Le camere hanno pavimenti in legno mentre il bagno padronale è interamente rivestito in travertino. La texture è ricca e naturale e decora con fascino la stanza che include  da letto due è ad angolo e con molte finestre. Bagno con doccia,  vasca, mobile lavabo e servizi.

bagno con pavimenti e rivestimenti in travertino

L’intera casa è stata rinnovata tra il 2010 e il 2013 con interventi di ristrutturazione sia interni che esterni, una splendida oasi nella più grande isola svedese del mar Baltico.

Ph:  Emma Jonsson Dysell

Commenti

comments