Universal Design Studio con sede a Londra firma il progetto del ristorante Odette, chiamato così in onore della nonna dello chef Julien Royer, che si inserisce nella recente ristrutturazione della Singapore National Art Gallery.

Lo spirito alla base del progetto è stato quello di rispecchiare le caratteristiche dei piatti di Royer: delicati, raffinati ed eleganti.

La decennale ristrutturazione ha convertito i locali che in passato ospitavano la Corte Suprema e il Municipio in nuovi spazi per realizzare un centro per le arti completo di tutti i servizi.

Oculata la scelta dei materiali naturali e di una tavolozza di toni morbidi e delicati come il legno naturale, il marmo terrazzo rosa e tocchi di acciaio e ottone.
Grande importanza è data all’uso della luce naturale che dona brillantezza ai materiali impiegati, una scelta diversa rispetto ai tradizionali ristoranti di livello che optano per toni scuri e pesanti.

L’impatto è subito accogliente pur mantenendo il riferimento all’architettura coloniale della Corte Suprema, una architettura dallo stile classico, nell’uso di colonne sfaccettate nella sala da pranzo che ricordano le colonne corinzie dell’ edificio originale.

Una caratteristica davvero rilevante è la presenza della cucina a vista che garantisce ai commensali la possibilità di visionare il lavoro dello chef e del suo staff e di arricchire così la propria esperienza gastronomica.  Universal Design Studio ha inoltre collaborato con l’artista di Singapore Ng Alba per creare un mobile esclusivo posto al centro del ristorante.

Commenti

comments

Both comments and pings are currently closed.