instagram lafusilla castello sammezzano toscana
Posted by Laura F.@PDR | Architettura, Curiosità, Progetti dal Mondo

Molti sono i tesori cosparsi nel nostro paese, alcuni blasonati meta di turisti da tutto il mondo, altri meno noti ma non per questo meno preziosi. L’Italia è realmente un museo diffuso ma purtroppo non ci sono le risorse per preservare e promuovere tutti questi luoghi.

castello sammezzano marchese ferdinando leccio toscana garrone il racconto dei racconti

Ecco che spesso entra in gioco l’iniziativa privata di volontari che cercano di valorizzare questi patrimoni. E’ il caso del Castello di Sammezzano a Leccio, Reggello, nella zona del Valdarno. Il castello ha una storia antica prima di passare in eredità a Ferdinando Panciatichi Ximens l’artefice del lungo rifacimento negli anni dal 1853 al 1889.

Ferdinando, uomo colto, esperto di scienze e raffinato collezionista, infatti aggiunse nuove sale ispirato da quella corrente culturale cosiddetta “Orientalismo” che si diffuse in tutta Europa dall’ inizio dell’ Ottocento.
Pur non avendo conseguito una laurea fu architetto e ingegnere progettando le nuove sale e avvalendosi delle maestranze locali.

castello sammezzanno leccio toscana ferdinando panciatichi

Negli anni ’70 l’edifico fu trasformato in albergo e mantenne questa destinazione fino alla fine degli anni ’90 quando è stato acquisito da una società italo-inglese che aveva intenzione di realizzare un complesso intervento sempre a fini turistico-ricettivi.

Nel bicentenario della morte del Marchese Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona (2013) si è costituito il Comitato FPXA 1813-2013 che intende promuovere lo studio e la conoscenza dell’eclettica personalità del marchese.  Proprio grazie all’operato dei membri del comitato è possibile visitare il castello, normalmente chiuso, in alcuni eccezionali aperture che coinvolgono numerosi volontari.

instagram lafusilla castello sammezzano toscana

Noi l’abbiamo visitato lo scorso 24 maggio, riuscendo a entrare fra i fortunati 500 che hanno potuto prenotare uno dei posti a disposizione che sono andati esauriti in solo 41 secondi.
Un privilegio unico essere accolti da queste sale che rivelano molto di più della loro bellezza estetica; infatti, celati dagli intarsi e dai motivi decorativi, tanti motti, frasi, e iniziali che esprimono il sentire e l’animo di un grande uomo colto che aveva collaborato con importantissime istituzioni di Firenze come l’Accademia di Belle Arti, il Museo del Bargello, gli Uffizi, l’Accademia dei Georgofili, la Società Toscana di Orticultura. Un uomo impegnato anche nella politica e fedele sostenitore dell’Unità d’Italia.

castello sammezzano architettura orientale leccio toscana comitato

Noi abbiamo avuto la preziosissima guida del sig. Massimo, uno dei volontari del Comitato, che ci ha raccontato anche curiosi aneddoti legati all’utilizzo del Castello come location, dati i suoi interni spettacolari, infatti è perfetto per shooting e film , tra gli ultimi proprio “Il Racconto dei Racconti” di Matteo Garrone.

Per maggiori informazioni sul Comitato e sulle visite:
www.sammezzano.org
pagina facebook “Sammezzano-comitato FPXA

Commenti

comments

Both comments and pings are currently closed.