Posted by Italy Stone Marble Blog | Architettura, Storia

Nel 1906 la sede dell’Esposizione Universale è Milano per celebrare l’apertura del traforo transalpino del Sempione.
In questa occasione viene costruito l’Acquario civico di Milano, il terzo acquario più antico d’Europa, posizionato nell’attuale area del Parco Sempione, è un progetto dell’architetto Sebastiano Locati ed è considerato uno degli edifici di maggior pregio e significato del liberty milanese.

L’Esposizione svoltasi a Milano dal 28 aprile ai primi di novembre, viene ospitata anche in padiglioni nell’area intorno a Castello Sforzesco e nell’area di Piazza d’armi. Per l’esposizione vennero spesi oltre 12 milioni di Lire per 35 mila espositori, molti stranieri, e 5 milioni e mezzo di visitatori.

acquario milano architettura liberty esposzione universale expo2015 milan

Datato 1942 è invece la costruzione del quartiere E.U.R. a Roma. L’origine del quartiere è legata al progetto di una Esposizione Universale che si sarebbe dovuta tenere nel 1942. La prima fase in vista dell’ evento fu la scelta della zona in cui edificare è fu scelta l’area delle Tre Fontane. Il progetto era imponente, prevedeva infatti l’allargamento della città e venne affidato agli architetti Pagano, Piacentini, Piccinato, Rossi e Vietti.

L’idea era di costruire una città del futuro coniugando modernità e architettura classica dell’Impero Romano, con ampi spazi e palazzi monumentali. L’Esposizione del 1942 a causa della guerra non ebbe mai luogo ma restano i palazzi progettati da Piacentini tra cui il Palazzo della Civiltà Italiana, Piazza Imperiale, il Palazzo dei Ricevimenti e dei Congressi.
palazzo civiltà italiana eur esposizione universale rome 1942 expo2015 architecture

Nel 1958 l’Esposizione Universale si svolge a Bruxelles dove per l’occasione viene costruito l’ Atomium l’imponente monumento costruito in acciaio che rappresenta i nove atomi di un cristallo di ferro ingrandito 165 miliardi di volte.
L’edificio progettato dall’architetto André Waterkeyn è alto 102 metri, le sfere hanno un diametro di 18 metri e sono collegate da scale mobili.
L’edificio doveva rimanere solo per 6 mesi ma riscosse un notevole successo ed è ancora oggi sede di esposizioni e mostre.
expo 1958 bruxelles esposizione universale atomium

Commenti

comments

Both comments and pings are currently closed.