A Rapolano, si trovano giacimenti ingenti di Travertino, che a differenza di quello Romano, le cui caratteristiche cromatiche sono come descritto abbastanza omogenee, si presenta assai più intenso, ricco di colore e di forza, con variazioni cromatiche che vanno dal bianco latte al marrone scuro, passando per il rosso e per il giallo. Al contrario di quello Romano in questo travertino, le variazioni sono evidenti anche all’interno dello stesso blocco, lastra ed anche pezzo finito.

cava-pietre-di-rapolano-pietre-di-rapolano-quarry.jpg

pietre-di-rapolano-travertino-travertine-la-torre-del-mangia-mangia-tower.jpg

Anche questo materiale, come quello di Tivoli è stato largamente usato nella storia. I primi reperti risalgono agli Etruschi ancor prima degli antichi Romani. La torre del Mangia a Siena, la sede del Monte dei Paschi (1472) e molti altri edifici storici. In epoca più recente è stato usato per realizzare il rivestimento con parete venitlata del Campus dell’Università J.W. Goethe di Francoforte, in Germania, progetto Architetto Ferdinand Heide; il rivestimento dell’ex ceramiche Manciolli a Montelupo, Firenze, progetto architetto Martini e molti altri edifici, teatri, bar, case in tutto il mondo: dall’Europa all’America, in Asia, Oceania ed Africa.

************

Monte dei Paschi di Siena - Piazza Centrale 

In Rapolano, there are large deposits of travertine, which unlike the Roman, whose color characteristics as described before are fairly homogeneous, is much more intense: rich of color and strength, with color variations ranging from milky white to brown dark, through reds, burgandy and yellow.

campus-universita-francoforte-germania-architetto-ferdinand-heide.jpg  ex-ceramiche-manciolli-a-montelupo.jpg

This material, as the Roman Tivoli’s has been widely used in the history. The first findings are date back to the Etruscans before the Ancient Romans.The “Mangia Tower” in Siena, the “Monte dei Paschi headquarter (1492)” and many other historical buildings.In modern days it has beens used in the ventilated caldding by Architect Ferdinand Heide on the campus of Frankfurt J.W. Goethe University in Germany, the caldding of “ex ceramiche Manciolli” in Montelupo, Florence designed by architect Martini and many other buildings, theathers, bars, homes: from Europ to America, in Asia, Oceania and Africa.

Commenti

comments

Both comments and pings are currently closed.